chiudi
News / Radio Scilla Web

Consegnato “Lo Scilla 2017”. Grande soddisfazione del presidente del club UNESCO di Scilla Francesco Porcaro

Play

GUARDA IL VIDEO

Parata di grandi personalità all’edizione 2017 de «Lo Scilla», il premio che il Comitato scientifico del Club UNESCO della nostra cittadina tributa periodicamente a delle grandi personalità della scienza, dell’arte e dell’economia che hanno intersecato la loro opera con la storia e la vita di Scilla o del territorio calabrese più generale.
Da Nik Spatari, artista di caratura mondiale da più di sessant’anni, ideatore e principale realizzatore del grande progetto del Parco Museo nella sua Mammola. A Otello Profazio, il cantore dello spirito giocoso e insieme grave e dolente dei calabresi di tutti i tempi.
E poi gli artisti Rosaria Straffalaci e Nuccio Schepis. La prima ha colorato Assemini rinverdendo, da calabrese di Villa San Giovanni, l’antica arte sarda dei murales. Il secondo è un artista e restauratore a tutto tondo, al quale è stato riconosciuto l’invidiabile privilegio di «mettere le mani nel mito», dirigendo l’opera di restauro dei magnifici Bronzi di Riace alcuni anni fa. Ad accompagnare Rosaria Straffalaci, c’era la giovane vicesindaca e assessore alla cultura di Assemini Jessica Mostallino, che ha voluto così suggellare il legame fra due Regioni a torto o a ragione ritenute fra le più periferiche d’Italia e d’Europa e che però non sono povere di esempi nei quali si sono poste alla guida della cultura e dell’arte.
Premiate anche la magnifica opera di documentazione foto-cinematografica di Scilla e dei suoi fondali di Maurizio Marzolla; l’imponente lavoro di ricerca nella numismatica e nella storia economica, politica e culturale di Reggio e della Magna Græcia del prof. Daniele Castrizio; l’opera di promozione e diffusione della letteratura e del teatro di Matteo Giardini, purtroppo assente, con particolare riguardo alla custodia dell’eredità artistica del suo avo Ercole Luigi Morselli, cantore del mito di Scilla e Glauco, al quale è dedicato il più bell’affaccio prospettico del nostro territorio.
In Mario La Russa è stato premiato l’imprenditore che sa coniugare profitto e funzione sociale dell’impresa.
Nella prof.ssa Michela Mantovani l’economista veneziana che ha saputo leggere e interpretare meglio di tanti locali il nostro territorio, accompagnando questa lettura con ambiziosi progetti che investiranno la parte più viva della società, a partire dalla sua Università Mediterranea.
Patrizia Nardi è una di quei politici che sanno ancora interpretare questa essenziale funzione nel modo migliore per il proprio territorio, riuscendo a guidarne la barca con mano sicura nel mare agitato della burocrazia nazionale e internazionale: sua, infatti, la guida del complesso meccanismo che ha consentito il riconoscimento di Patrimonio Immateriale dell’Umanità UNESCO alle macchine a spalla legate alle Feste popolari quali, ad esempio, la Varia della vicina Palmi.
Due premi sono andati alla memoria. Di una barca, la Santa Lucia, che prima di essere data alle fiamme da mano volgare e criminale, ha riassunto i sogni, le speranze e le fatiche di un intero territorio: a ritirare il premio, il giovane esponente della famiglia Andrea Alfonzetti, studente di storia in Milano, che anche attraverso gli studi universitari è fermamente intenzionato a contribuire alla custodia e valorizzazione del patrimonio storico della nostra città, del quale l’incenerita feluca – risorta nella volontà di riscatto della famiglia e della città – è parte integrante.
E di un uomo, Serge Collet, antropologo francese di fama europea, che ha ricostruito e riunito gran parte della storia e dell’attualità dei popoli di Calabria e Sicilia, con particolare riguardo alla caccia al pescespada proprio nella nostra Scilla.
A far gli onori di casa il sindaco Pasqualino Ciccone, che ha messo a disposizione l’aula del Consiglio comunale, e l’assessore alla cultura Marinella Gattuso.
Radio Scilla Web, per le ricerche e il montaggio di Domenico Prisa e i testi di chi scrive, ha realizzato gratuitamente, unendo altro materiale reperito su internet o inviato dagl’interessati, un video che ha presentato tutti i premiati.
L’intera macchina organizzativa è stata guidata con mano sicura e ferma dal presidente del Club UNESCO di Scilla Francesco Porcaro che ha saputo trarre il meglio da una serie di personalità, al contempo mantenendo e rafforzando i legami con i premiati e le istituzioni, che ha anche moderato l’importante incontro.

Giovanni Panuccio

Condividi

U'Bais - Hotels & Restaurants
Casa Vela - Wine Bar - B&B
Bar Como
Antico Borgo
Gelteria Sotto Sotto
Emporio Briciole
Ristorante Bleu de Toi
Villa Paladino
Mordi & Fuggi
La Seconda Alba
Lido Francesco
Zanzibar
Tabaccheria Bellantoni
Ristorante Il Casato
Cala delle Feluche
Case Vacanze Chianalea
Rappresentanze Guardavaglia
Poseidon - Ristorante, Pizzeria

Recupera password

Register