chiudi
News / News Locali / Radio Scilla Web

SCILLA Tribunale respinge l’incandidabilità dell’ex sindaco Pasqualino Ciccone

Pasqualino Ciccone

L’ex Sindaco Pasqualino Ciccone

Il Tribunale di Reggio Calabria con una motivazione chiara ha respinto la richiesta di incandidabilità per l’ex Sindaco di Scilla, Pasqualino Ciccone, proposta dal Ministero dell’Interno all’epoca retto dal reggino Marco Minniti. Così in sintesi la motivazione “Da nessuna delle condotte addebitate emergono elementi che inducano a ritenere che l’azione amministrativa fosse asservita agli interessi della criminalità organizzata”. Il Tribunale ha quindi accolto in pieno le tesi difensive di Pasqualino Ciccone, che nella qualità di Sindaco del Comune sciolto era stato l’unico esponente dell’Amministrazione Comunale per cui era stata chiesta l’incandidabilità. Si ricorda che il provvedimento di scioglimento arrivò il 21 marzo scorso e motivato “per ingerenze nell’attività amministrativa della criminalità organizzata”. Quelle ingerenze, che per i giudici “non appaiono convincenti gli addebiti contestati dalla commissione d’indagine”, e con motivazione chiara del Tribunale di Reggio, sono state disciolte con una sentenza piena a favore di Pasqualino Ciccone. L’ex primo cittadino subito ha così dichiarato “Questa sentenza mi ha ridato la dignità”. La partita adesso si sposta verso la giustizia amministrativa, dove nei primi giorni di maggio il Tribunale esaminerà il carteggio per valutare “la correttezza e la giustezza” del provvedimento di scioglimento del Consiglio Comunale oppure per ridare dignità all’intero civico consesso scillese. La giurisprudenza qui ha un’alta percentuale di conferme dei provvedimenti amministrativi e ministeriali, vi sono però casi in cui sia il TAR che il Consiglio di Stato hanno ribaltato gli esiti, dove il trend prevalente indica che solo un 10% dei ricorsi ha visto un riconoscimento positivo per il ritorno dei rappresentanti democraticamente eletti. Questa sentenza per il momento rende manifesto che una giustizia giusta esiste: “Questa sentenza dimostra che i giudici hanno letto attentamente le carte – così l’ex sindaco Pasqualino Ciccone – E’ una sentenza che mi da ragione su tutta la linea”. E le sentenze vanno rispettate. Ai giudici di legittimità adesso leggere le carte sulla ratio che ha portato lo scioglimento del Consiglio Comunale e un’onta per l’intera città. Vi erano veramente le condizioni per farlo?

Red

Condividi

iBazar Scilla - Igiene casa e persona

Recupera password

Register